La solitudine.

blank
Tu puoi cambiare il mondo!
2 Aprile 2020
blank
Progetto Gaia Network!
2 Aprile 2020
blank
In questa settimana mi sono interrogata molto su come noi essere umani viviamo la solitudine.
C’è una solitudine che potrebbe essere definita SANA, perchè ci porta a prenderci del tempo per noi, ad ascoltarci, a coccolarci, a staccare dalla frenesia e dalle relazioni con gli altri, che ci possono mettere sotto pressione e creare un pò di agitazione o ansia.
E poi c’è una solitudine che può portare alla MALATTIA. Quella solitudine che ci fa sentire vuoti, pieni di pensieri e paranoie. Quella solitudine che ci fa desiderare il contatto con l’altro. Quella solitudine che arriva a farci mettere in discussione la nostra stessa vita: “Ha senso vivere senza poter condividere?”.
Penso che questa dimensione sia una delle SOFFERENZE più diffuse in questa epoca che porta le persone allo smettere di gioire e allo spegnersi il prima possibile. Mia nonna 89enne dice sempre che sta vivendo dell’AMORE della sua famiglia, perchè se non avesse quello potrebbe anche andarsene; per lei la vita non avrebbe senso. E parla una donna in salute, autonoma, piena di interessi e di cose da fare. Ma quei vuoti emozionali o come vogliamo definirli, non si possono colmare con gli impegni sociali.
Come potremmo far fronte a questa condizione così diffusa ma di cui magari non parliamo tra noi?
Possiamo vergogniarci di una dimensione che fa parte del nostro essere ESSERI UMANI?
O magari già parlandone potremmo alleggerire questo senso di soffocamento e disperazione?